NEWS

Cotone rigenerato

Cotone rigenerato

 Nel mondo di oggi, la sostenibilità è diventata una delle principali preoccupazioni per molte persone. Dalla riduzione dell’impronta di carbonio alla scelta di prodotti eco-compatibili, gli individui sono ora più consapevoli del loro impatto sull’ambiente. Una delle aree in cui la sostenibilità ha guadagnato importanza è sicuramente il mondo del design. Per rispondere a questa ricerca di alternative ai tessuti e ai materiali tradizionali, Divale Design ha fatto di questo tema uno dei suoi punti di forza, scegliendo il cotone rigenerato per la sua linea di prodotti. 

Scegliamo filati rigenerati ecosostenibili di alta qualità, ottenuti dal recupero e riutilizzo di fibre nobili e la qualità di questi filati è del tutto paragonabile a quella dei tessuti tradizionali, in quanto non risulta compromessa. 

Perché produrre cotone rigenerato? 

La maggior parte dei capi di abbigliamento presenti nel mondo sono confezionati con il cotone, una fibra naturale molto comune e che rappresenta circa il 33% di tutte le fibre presenti nei tessuti. Per produrre una singola t-shirt, attualmente si utilizzano circa 2.700 litri d’acqua. Per capire meglio quanto sia, pensa che è la stessa quantità di acqua che beve una persona adulta in 2 anni e mezzo e di vita. Se pensi che nel mondo vengono prodotte circa 63 t-shirt al secondo, puoi immaginare quanto enorme sia questo consumo d’acqua. Una delle conseguenze di questo consumo è la desertificazione di alcune aree, come il Lago di Aral che è stato prosciugato in 14 anni a causa della produzione intensiva di cotone in Asia centrale. Ma lo spreco d’acqua non è il solo problema… Ogni minuto viene acquistato un milione di bottiglie di plastica in tutto il mondo. Questo causa la grave difficoltà nella gestione dei rifiuti. La plastica delle bottigliette raggiunge in ogni momento il mare, dove le correnti marine la portano alla deriva creando delle vere e proprie isole di plastica che inquinano i mari e uccidono gli uccelli e i pesci che la ingeriscono. Da questi due problemi germoglia l’esigenza di creare un prodotto nuovo: il cotone rigenerato. 

Il cotone rigenerato è ottenuto mediante il completo riciclo di vecchi abiti o di scarti di altre lavorazioni. Questi stracci subiscono un processo di lavorazione, chiamato ciclo rigenerato, in cui vengono lavorati in modo tale ottenere un tessuto completamente nuovo. Per produrre del cotone rigenerato servono soltanto due ingredienti: vecchi tessuti o scarti di produzione del cotone e poliestere creato dal riciclo delle bottiglie di plastica. Ma come funziona tutta la produzione? Per prima cosa, i tessuti di cotone vengono raccolti e divisi per colore. Attraverso un particolare processo di lavorazione, questi stracci tornano ad essere fibre di cotone, già colorate. Contemporaneamente vengono raccolte le bottiglie di plastica e lavorata per ottenere la fibra di polietilene. Queste due nuove fibre rigenerate, quelle di cotone e quelle di poliestere, vengono infine tessute, tagliate e cucite insieme Questo processo è molto più sostenibile della produzione tradizionale di cotone perché richiede meno acqua ed energia e riduce la quantità di rifiuti che finisce nelle discariche. Il cotone riciclato può essere utilizzato per produrre tessuti che potranno rivestire divani, sedie e cuscini. 

Quando si tratta di scegliere un divano, i tessuti di cotone rigenerato e riciclato sono ottime opzioni per coloro che vogliono ridurre il loro impatto ambientale. Non solo sono scelte sostenibili, ma forniscono anche un alto livello di comfort e durata. Questa scelta intrapresa da Divale Design non solo porta alla creazione di tessuti dall’impatto estetico di valore e dalle caratteristiche tecniche di alto livello, ma risulta anche in linea con la strategia di sostenibilità seguita dall’azienda. 

I divani in tessuto realizzati in cotone rigenerato e riciclato non sono solo eco-compatibili, ma aggiungono anche un tocco di stile a qualsiasi stanza. Sono disponibili in una varietà di colori e motivi e sono versatili per completare qualsiasi arredamento. 

Archivio